martedì 12 ottobre 2010

55°: Rooooooooomaaaaaaaaa

alla vigilia dell’evento che aspettavamo da tanto, che faccio io??? mi schianto, ovviamente…all’epoca del giovedì sono dal medico, che mi dice che logicamente il certificato dovrà partire dal martedì e che quindi il week risulterà di ferie…vabbè, tutto pur di andar via e di non passare per “miss palla al piede”…prenoto i biglietti on line, sul sito delle ferrovie italiane, inserisco il 2 come partenza e il 4 come rientro, omone mi segue, che io temo di fare errori causa sviste, lui controlla e da l’ok, confermo, invio, arriva conferma via email, a posto…il sabato è una giornata bellissima e a roma è ancora meglio, partiamo da san pietro in casale, si cambia a bologna, cerchiamo i posti…sono occupati…controllo bene la carrozza e i posti, e dico “salve, abbiamo prenotato qui…” e tutti rispondono che quelle sono le loro prenotazioni e non sembrano per niente i personaggi furbi che si può credere sul subito…guardo omone allibita, usciamo di carrozza, io sono scocciatissima ed arrabbiata col sitomaledetto delle ferrovie…poi, di punto in bianco, VEDO: la conferma per email ci ha POSTICIPATO OGNI NOSTRA RICHIESTA DI UN GIORNO! vale a dire che abbiamo pagato il viaggio ma non abbiamo un posto…PORCAPU..ANAAAAA! facciamo un giro nella speranza che ci siano posti vuoti, e alla fine così è, e con ancora l’espressione mezza incredula e mezza scocciata, finiamo il viaggio con l’angoscia di essere scacciati dai legittimi prenotatari…tutto liscio, si arriva a roma, e qui una ztruma notevole per sistemare la prenotazione del ritorno: servizio info stazione, da lì al servizio info frecce, dalle frecce al macchinino per prelevare il biglietto errato acquistato, di nuovo al servizio frecce, il servizio frecce nulla può, via in biglietteria, coda, soluzione…il tutto con la presenza degli amici che ci ospitano per il week e che ci vengono a prendere in vespa piaggio…fantastico! mi è piaciuto molto girare così, e ho notato con stupore che nell’immenso caos della circolazione, c’è una equilibrata convivenza tra i mezzi vari, tant’è che mi sono sentita + sicura a roma che a ferrara ecco, dove la maggior parte degli automobilisti fa a gara a sgambare un ciclista o scooterista, al grido di “se non passo io non passi neanche tu”, mah! riassumo così; week favoloso, tante chiacchiere, ospiti eccellenti, clima mite-caldo, luoghi affascinanti, cibo ottimo, tempo inesistente…che quando penso a come sia nata questa amicizia, non posso che sorridere: omone,fratellone e amico erano in giro sull’appennino quando si sono trovati a fare della strada con logan e crituono, piccola garella tra le 999, omone che segue crituono (allora con z750), e quando si fermano via alle chiacchiere con ancora il casco addosso, scambio di recapito di forum, e via…da allora siamo in contatto, ed è una specie di magia che persone conosciute così per caso siano davvero persone così speciali…nà booootta de culo ogni tanto…!

 

Technorati Tag: ,,,

giovedì 30 settembre 2010

54°: scraaaatch!

domenica, ci accordiamo coi ragazzi per incontrarci dopo imola direzione passo del giogo, e si va…traffico assolutamente intenso per via della sbk, andiamo piano, con prudenza, arriviamo a casalfiumanese, scalo una marcia, tengo d’occhio i pedoni e…MI TROVO UNA PUNTO CHE INVADE LA MIA CORSIA DA SINISTRA!! è in mezzo alla-mia-corsia, io sono incredula, mi attacco al freno e forse sterzo appena per non collidere, perdo l’anteriore e cado…ca-do, scivolando sull’asfalto col ginocchio dx maia sotto a maia che intanto stride mentre ce ne andiamo via tutt’e due stese, poi mi giro e sbatto il muso del casco, registrando lo strano suono che produce…mi alzo, apro la visiera scura, apro le braccia in un mimico “ma che fai??” e la ragazza alla guida è già lì, spaventatissima, che mi chiede come sto…non ci siamo toccate, maia è a terra ancora accesa, la spengo mentre si ferma un’ambulanza ed io dico “se siete perfetti!”, mi chiedono come sto, la ragazza trema, io no, sono scocciatissima, ho battezzato anche questa di moto, porcaputtana…il passeggero di lei prova a dire che io andavo forte, chiama i carabinieri, gli dico che ci sono due metri di frenata e poi il resto è raschiata al suolo e che quindi no, non andavo forte, ero ai 50 per via del passaggio pedonale…ginocchio arrivano i carabinieri, ci sgridano per aver alterato il traffico, che visto che non sono ferita non servono i rilievi, e lui ripete che non andavo piano, mentre il più alto in grado dice “c’è un metro e mezzo di frenata, quella è una moto del 2009 con impianto della brembo…la sua auto è in mezzo alla corsia, uscivate da un parcheggio…avete solo da guadagnarci a prendervi la colpa di tutto, sennò coi rilievi scatta il ritiro della patente…” e così fu, constatazione amichevole dove io ho ragione al 100%, ed ora i danni: tuta devastata al ginocchio e un sonoro FANCULO ALLA DAINESE che ha prodotto una tuta da 800EURO CHE SI è SFASCIATA IN 3 MT DI SCIVOLATA  AI 50…se fossi caduta in pista ai 180 cosa bilanciere sarebbe rimasto di me?? casco, guanti grattugiati, pedana dx, manubrio, specchio, forcellone, terminale marmitta, codone, carter, coppa olio…IO: ginocchio contusissimo, caviglia fasciata, collarino, 18 autosiringate di antitromboflebitico in addome, come rambo…maia è stata portata via dal carrattrezzi, io sono tornata a bologna in treno, aspettato omone, via verso casa; ora maia è a borgo panigale ed io impegnata a produrre il tutto pro-infortunistica…cazzo!

 

Technorati Tag: ,,,,

martedì 21 settembre 2010

53°: inattesa pistaaaaaaaa!

week, non si sa che fare, così ci lanciamo a cena dai miei, che c’è pure tutta la famiglia di mio fratello, e ci sarà da ridere…e così fu, che mio fratello è una comica unito al figlio piccolo, che è una tedia simpatica…nel dopocena eravamo morti, così come tutti gli amici del circondario, quindi casa per relaxxxx…per la domenica le previsioni annunciavano pioggia, temporali, tuoni, cicloni, quindi ci mettiamo l’anima in pace che di moto non se ne parla, anche perchè il sabato piove eccome..domenica, mi sveglio e il sole che entra dalla finestra del bagno mi acceca, mormoro una bestemmia, guardo il cielo e non è bellissimo, valà…colazione, sul quotidiano leggiamo di un paio di appuntamenti interessanti, tipo una sagra slowfood e la rievocazione del passaggio del barbarossa a medicina (nome dovuto alla cura che lo fece guarire), e il pomeriggio ce lo passiamo così, tra una scancarata e un sacchetto di mandorle pralinate…lunedì, io a casa, lui in ferie, che si fa? appennino? colazione in pasticceria o a casa? optiamo per il casalingo, e lui fa “chissà se oggi ad adria c’è una giornata di prove libere…” E C’E’’’’!!!! telefoniamo, c’è posto, andiamo, valutiamo la quantità di centauri dopo aver visto che significa la pista piena mari5 (40 moto), e ci iscriviamo…beh, non vi annoio, riassumo con FANTASTICOOOOOOOOOO! mi sono divertita un sacco una volta abituatami alle moto che mi passavano per ogni dove, e ho iniziato a concentrarmi subito…adria mi piace molto, è piccola ma tecnicissima, con maia non ho avuto il disagio che ho sentito ad imola (è + veloce e il motore piccolo si sente), e quando mi superavano era sul rettilineo e poco in curva; la traiettoria più difficile è quella prima dei box, che è tutta un cambio di raggi e bisogna abituarsi all’idea di tenere quella piega anche se il cordolo va e viene dalla visuale periferica…comunque sono felice davvero, unica micropecca i personaggi pistaioli, tutti molto fighetti e antisocializzazione…vabè, io ed omone ci siamo davvero sfogati, fare una strada sicura, senza pensionati,cani,apecar,incroci,striscepedonaliassassine,stesso tracciato ad oltranza, è bellissimo!

Technorati Tag: ,,

lunedì 13 settembre 2010

52°: esperienza jap

è da un po’ di tempo che il japponese mi attrae, e parlo di ristorante, eh…ne aprono uno vicino a noi, omone tentenna, ha voglia di cibo tradizionale, rimandiamo, ne aprono un altro, commenti positivi, lui tentenna, rimandiamo, finchè…finchè siamo a passeggio per “settembre centese” e c’è lo stand del ristorante japponese…occhiata al menù, lui non ha tanta fame, spizzoccherebbe, passiamo oltre…passeggiamo, si parla di come gestire l’aperitivo-cena-o che altro, e alla fine…JAPPONESEEEE! prendiamo una “barca family”, cioè un vassoio a forma di barca con tanti assaggini di sushi, sashimi, maki, unamaki…oh, io non riesco ad attribuire il nome a quello che ho mangiato, ma mi è piaciuto tutto! così ho appreso alcune cose: è tutto insipido, e la fa da padrone la salsa di soia, che ho rivalutato ed adesso adoro; va bene per l’estate e non per l’inverno, almeno la barca, perchè era tutto freddo; la salsina verde, oltre che avere un sapore schifosissimo, è un attentato al ph del cavo orale; l’arredamento jap è bellissimo ed essenziale; non sono capace di utilizzare i bastoncini, quindi w la forchetta; adoro il pesce crudo e lo sapevo già; la birra asahi la fanno a londra, altrochè jappone; i japponesi sanno pronunciare la R…omone non ha gradito, io invece tantissimo, ma se ne parlerà quando il menù non mi congelerà lo stomaco!

Technorati Tag: ,,

domenica 12 settembre 2010

51°: piedino 2

siamo in zona week, e sabato provo maia, a vedere se mi duole il piede a mettere le marce alte…percorso breve, e stufoso, anche, visti i trattori e i camion che rallentavano il tutto, ma in definitiva a guidare non mi duole, anche se a scendere reclama eccome! così arrivo zoppicando in pasticceria, ordino un campari pensando al crodino, ho la visiera scura perchè secondo omone rincasiamo prima che scenda il sole nonostante i miei timori, aperitiviamo, rientriamo…oooh, due cose: una volta che ci si abitua alla tuta di pelle, anche il giubbotto di pelle più sborone diventa insulso una volta superati gli 80km/h (il mio mi sta a pennello, giù di sella, mentre in sella ai suddetti km si gonficchia e convoglia tutta l’aria al suo interno, dove-ci-sono-io! se ci sono 30° va anche benino-tralasciando la scomodità sensoriale, ecco-ma se i gradi sono 20 beh, tutto cambia…la seconda è che avevo ragione, rincasiamo che la luce è pessima per la visiera scura, e fredd0+cecitàindotta=lentalenta…echecaz.o! vabè, obbiettivo raggiunto, ora so che domenica ci posso provare! infatti, ci si sveglia senza orari, colazione romantica a casa, preparativi, appennino verso montese: sono tranquilla e fiduciosa,finchè..finchè mi rendo conto di non fidarmi di me nei tornanti, che non ho la sicurezza di dove metta le ruote, e di conseguenza sono lenta e timorosa, e guidare con la paura è una roba pessima! ci fermiamo a montese, e omone mi conferma che ha avuto problemi anche lui, strada dissestata, poco affidabile, divertimento zero, timore sì…beh, dai, allora non tutto è perduto per oggi, visto che il pezzo che faremo poi l’ha visionato di recente ed era perfetto…caffè shakerato e via e…MI DIVERTO UN SACCO!  finalmente piego con sicurezza, non guardo + l’asfalto ma la traiettoria, dribblo con eleganza i vari deficienti in auto, rincaso felice e soddisfatta, premiandomi con un toast (pane fatto-da-me) e una fettina di cheesecake base cioccolato copertura ciliegie…sì, sono viziata, e allora? hahahahhaha!

 

Technorati Tag: ,,,,

mercoledì 8 settembre 2010

50°: piedino

ordunque, in vacanza il mio piedino è stato bravo fino al 3° giorno, poi, di punto in bianco, ha ricominciato a farmi male ma non dove mi è stata trovata la fratturina, ma sul metatarso…e via di latente paranoia sul fatto che io, magari pestandoci su, l’avessi danneggiato in un punto dove poteva esserci una crepina non vista…ciò non mi ha fermato, sia chiaro, ho solo indossato quasi perennemente le scarpine da scogli, di giorno, e le tennis, di sera…il tutto perchè l’idea di denudare il malato mi turbava, e di notte lo cerottavo per evitare di incastrarmi nel lenzuolo durante un carpiato nel sonno. Insomma, da là inizio a contattare il mio amico ortopedico [quando mi fracassai il radio sx, c’era lui di turno, e mi ha pure fatto da riferimento quando un demente che denuncerei volentieri all’ordine dei medici - mi disse che mi avrebbero asportato una porzione di cresta iliaca “e si rassegni al fatto che le rimarrà la cicatrice, al mare si vedrà!”, rotto di nuovo il radio, operato come solo sul lago di garda poteva fare, per “guadagnare pochi gradi, non si illuda di ritornare come prima”-mi ha fatta piangere con singhiozzo devastando ogni mio sogno di ripresa della mia esistenza…ecco, io ricordo che ho chiamato questo mio amico e che lui mi ha confortato per telefono, usando parole rassicuranti che non contenevano promesse campate per aria ma valutazioni sulla base della sua esperienza, e di questo gliene sarò sempre grata, ma sempre sempre! mi sono persa…dunque…AH SI’! lo contatto da ios via sms tipo “mi duole ancora, riesci a vedere gli rx di cento fattimi il 16/08? così mi dai un tuo parere” e via dicendo…insomma (e qui, secondo me, si vede quanto il punto di vista del popolo possa essere d’aiuto allo sviluppo di certe cose), nella mia ignoranza di utente, immaginavo che i vari ospedali collaborassero con uno scambio per via telematica di file come questi, e invece?? invece no, ovviamente, un chirurgo di ferrara non può accedere a file di roma, tanto per dire…vabbè, stamani ho ritirato il cd e spedito gli rx all’amico, prima di incontrarlo per un caffè nel pomeriggio: se ricordo bene i termini complicati, il dolore che sento, oltre che ad un uso squilibrato del piedino, dipende da una lussazione capsulo-articolare che pare dolga più a lungo della fratturina, simpatica stà cosa, vero? insomma, il mio amico mi incoraggia che non ho nulla di che, il dolore è parte del pacchetto, e in moto ci posso andare che non danneggio nulla (è centauro pure lui, che io mica ho amici così a caso eh!)…inoltre, nella mattinata ho avuto la mia seduta di mantenimento dall’osteopata, che ha appurato le tensioni insorte a seguito del tutto, e me le ha lavorate con me che piagnucolavo sia per il male che per il ribrezzo di sentirmi toccare le dita dei piedi (me li si può accarezzare-graffiare-mordicchiare, ma ignorando le dita), dicendomi che non ho nulla di che, e che presto starò bene! ora ho un male ben noto, quello da manipolazione, e guardo verso l’orizzonte con un’espressione + serena e il casco già in mano….

Technorati Tag: ,,,

martedì 7 settembre 2010

49°: Ios

tornati oggi, ora vi racconto, e per facilitarvi il tutto, ovvero l’abbandono della lettura quando venerompeteleballe, lo suddivido…

Viaggio: usciti di casa alle 6.15, meta aeroporto di bologna, volo alle 9.30, che già lì…arriviamo, non ci sono riferimenti, non ci sono hostess o similari ad indirizzarci, ci sediamo, vediamo un omino, lo avvicina l’omone, io vado alla toilette, quando torno ha guadagnato una simpatica firma valente come obliterazione…ci accodiamo al mezzomondo che è giunto nel frattempo, la coppia dietro di noi è costituita da leirompiballe e luiplacidamentesottomesso, dove lei con simpatia tra la merda e l’autovelox gli indicava continuamente la fila + breve, sottolineando il suo “massì, tanto risparmiamo pochi minuti e non abbiamo mica finito, tra l’altro…” con “ah, peggioperte!!!!”, e alla fine ha vinto lei, ovviamente…si parte, io cerco di godermi l’accelerazione del decollo a copertura della mia paura di volare, anzi, della mia paura di precipitare…tutto bene, tutto liscio..si arriva alle 12.15, c’è un caldobbbestia, ci dirigono verso la taverna apollo, dove aspetteremo quelli di verona e milano e poi si prende il traghetto delle 15.30…aspè…E IL TEMPO IN MEZZO CHE MAZZO FACCIAMO NOI??? VUOI DIRE CHE LA MIA VACANZA INIZIA ASPETTANDO GENTE CHE-NEANCHE-CONOSCO??? ma caccia-chi-c’è sul traghetto, maremmamaiala, e gli altri arriveranno, no??? no… corriera, mezza isola di trasferimento tra curve e tornanti strettissimissimi,traghetto, pariamo una banda di sfollati, i visi stanchi e scoglionati di chi ha atteso senza una ragione, si sale, si va…arriviamo in hotel alle 18 circa, che, se la matematica non è un’opinione, fanno quasi 12 ore per essere in vacanza…considerate ciò quando vi proporranno ios…bagno in piscina, mi sento rinata et affamata, doccia, buffet, teatro per accoglienza, letto.

ios: è nà favola, è bella, è girabile, è varia, le spiaggie hanno diverse dimensioni e attrezzatura, dal tutto al niente più totale (scarnissime e quasi inospitali, se si considera la mancanza di ombra con 38°), alcune facilissime da raggiungere, altre impossibili senza i mezzi idonei; ognuno di certo trova la sua spiaggia preferita, la nostra è manganari, la 3^ insenatura, per la precisione, così isolata e protetta che io mi sono regalata l’abbronzatura senza segni..heheheh! ah, l’acqua è incredibile, è bella che pare dipinta così apposta, e questo ovunque, pure al porto…

villaggio: sì, eravamo in villaggio, mai fatto, e non è stato male…ottimo buffet, animazione simpatica e non invadente, spettacolini godibili, belle camere, ottima pulizia…

toilette: per chi non lo sapesse, in tante isolette, e ios non fa eccezione, non si può gettare la carta nel water…quella usata, intendo, eh! per me è stato uno shock, non mi capacitavo di buttare nel cestino un articolo del genere, INDIPENDENTEMENTE DALL’USO FATTO, sia chiaro! ogni giorno portavano via il sacchettino, ma io ci stavo troppo male, finche’…ho trovato il trucco! la doccia col suo lungo tubo arrivava fino al wc, ed aveva la potenza dell’idropulitrice! problema risolto, visto che ovviamente non c’è il bidet, …donna salvata, e non solo lei!

trasporti: l’isola è piccola e si può girare anche in scooter, ma visti i molti sterrati, e che dire sterrati è un eufemismo, consiglio caldamente il quad, che per politica isolana non supera i 50cc, cosa che diventa problematica in molti pezzi di strada, ma si va piano, nei casi peggiori uno scende per qualche metro, e si riparte! noi ne abbiamo fuso uno al secondo giorno, e un altro al 4°, ma era la cronaca di una morte annunciata, tanto quei mezzi lì è tutta la stagione che vengono spremuti da capaci et incapaci, poracci…ah, non prenotateli all’hotel, costano il 50% in più, mica poco!

reception: la receptionist slavalinguainglese era dolcissima, quella italiana una merdainfinita, con una faccia da culo da prendere a calci e il modo di fare di un contrabbandiere di schiavi, mavergognati!! l’ho segnalata, quella indegna figura, anche perchè è una vita che è lì e che fa così…se ti fa schifo il tuo lavoro, fanne un altro e lascia il posto a qualcuno di più simpatico, anche il suddetto contrabbandiere di schiavi sarebbe meglio…

contorno: eravamo in mezzo ai pensionati, che avevano molta più energia di noi! quando, al “gioco delle coppie” entrambi i coniugi “sorteggiati” hanno risposto “sul tram” alla domanda “dov’è stata la vostra prima volta?” è sceso il teatro…con lui che MIMAVA! ancora rido, due miti…

foto: ne abbiamo fatte poche, non abbiamo i mezzi per far valere i colori e le sfumature, ma…MA! siamo in spiaggia, io senza veli, girata di schiena ad un figuro munito di attrezzature da fotografo professionista, e omone, che lo vede mentre io no, mi fa “per me ti chiede se ti può fotografare…” sorridendo, e io “eeeeeeeeeh alè!” e subito si ode “excuse-me, can i?” io mi giro sorridendo e sollevo le sopracciglia, e lui “excuse-me…your tattoo is AMAZING! W-O-W it’s beautiful…ALL (gestualità che mima la silhouette) is FANTASTIC! can i take a photo?”…ora, il tattoo è sul soprachiappa, e vi pare che io mi tiri indietro?? con un professionista della foto???? in acque cristalline??????? ovvio-che-no! foto fatta, mille complimenti da lui che parla benissimo italiano (“ solo le donne italiane hanno questa f-o-r-z-a, questa POTENZA nella parte inferiore…questi fianchi, il giro vita…bellissime…BELLISSIMA! quando ti ho vista mi è mancato il fiato…è un gatto, vero? a londra il gatto nero è un portafortuna…bellissimo….-e,rivolto ad omone- complimenti, è bellissima, MAMMAMIA!!!”), ecco, ora aspetto la foto via email…

panorama: bello, quello greco che conoscete dai film, con casette bianche, porte ed infissi blu-antizanzara (bela fola..), e un miliardo di minichiesette sparse ovunque, compreso in mezzo al nulla, che proprio non ti capaciti della funzionalità

variazione: ci dicono per traverse vie che noi di bologna partiamo un giorno prima, che il traghetto non arriva in tempo per il check-in eviadicendo…partiamo alle 15 di lunedì, si pernotta a santorini, cena in locale con cameriere maleducato da prendere ad offese, hotel suggestivo ma con materassi rubati ai poveri del centro accoglienza, uno schi-fo…non ho dormito una cippa

santorini: sono felicissima di non essermi fermata lì, non è coccolosa come ios, coi suoi colori insoliti…la spiaggia è ne-ra, di ciottoli che vanno dal piccolino al giarone da omicidio, con acqua che è quasi subito profonda e riflessi cupi…no, santorini non mi è piaciuta, anche se ne ho visto una porzioncina

conclusioni: ios è bella, davvero, e ve lo dice chi ha trovato inutile ed insulsa lampedusa…la consiglio, ma vi ricordo che 24 ore in totale ve le fate solo per i trasferimenti…

 

Technorati Tag: ,,

lunedì 30 agosto 2010

48°: F-E-R-I-EEEEEEEEEEEE

ok, dopo una settimana faticosisssssssima, durante la quale mi sono trascinata al suolo con le unghie delle mani per tirare avanti, eccomi finalmente IN FERIE!!! miserie, se me le merito! sono stanca, sfibrata, speranzosa, e curiosa…il programma di sabato è attendere che il clima si mitizzi e provare a guidare maia, per vedere che mazzo riesco a fare e quanto rovinaferie io possa essere…il clima è assurdo, caldissimo che si trasforma in un vero e proprio temporale a dirotto, quindi maia sta in garage ed io sul divano…la sera ce la dedichiamo al nostro ristorante di fiducia, reduce da uno di quegli incidenti sospetti che causano danni minimi (è ironico, € 40.000 me pareno tanti, e anche alla gerente che però si fa coraggio), ed io sono talmente stanca che omone mi guarda con tenerezza, e pure gerenteross mi chiede “ma sei stanca o sbaglio?” ed io sorrido sollevando le sopracciglia, e mostrandole una impressionante foto del mio piede post-trauma: rimane traumatizzata anche lei, e mi rendo conto, forse per davvero, di comecavolo mi ero ridotta…casa, letto, coma fino alle 10 circa; ci si solleva, c’è il sole, prendiamo le moto, e aumentare le marce mi-fa-ma-le, così tanto che sono impedita a farlo, sono lenta, mi distraggo, quindi no…niente moto per altri boh giorni…vorrà dire che quest’anno sarà LAST MINUTE, mai fatto in vita nostra! lunedì, ovvero oggi, agenzia, varie proposte, spicca IOS, chiedo ragguagli alla collega che è appena tornata da là, le piacque, la consiglia, accettiamo…partiamo domattina, alle 7.30 in aereoporto, incrocio le dita per la coincidenza col traghetto da santorini, che sulla carta s’ha d’aspettare un paro d’ore e mi scoccia la sola idea…beh, vado a finire la valigia, bende prese, fascia elastica presa, monospalla paillettato preso, stivaletti texani pure, costume………….

 

Technorati Tag: ,,,

lunedì 16 agosto 2010

47°: visto che si avvicinano le ferie…pam!!

mercoledì pre-ferragosto, sono da sola al lavoro, le altre in ferie, e io in attesa della cliente…mi ricordo che devo fare una cosa, e mi sposto velocemente da una cabina all’altra quando…il credenzino mi si piazza dritto dritto davanti al piede, ed io, nella velocità dello spostamento, non ho potuto evitarlo e…PAM! un male bestia, fortuna che sono riuscita ad appoggiarmi al muro immediatamente, sennò dal male mi ribaltavo al suolo, e con la piede fascia mano sulla bocca e le lacrime agli occhi, ho iniziato a dire “rotto-no rotto-no ROTTO-NOOOOOOOOOOOOOOOO! ca..o che fra un po’ vado in FERIEEEEEE!” e così, dato che non avevo ghiaccio a disposizione, mi sono accontentata della bottiglia baby di prosecco che c’era in frigo..sollievo sì, ma non abbastanza…si è gonfiato a vista d’occhio, è arrivata la cliente, ho fatto il mio lavoro, mentre la ciabatta diventava sempre + stretta…guidare fino a casa è stato dolorosissimo, ma ce l’ho fatta, come i viaggi per la restante settimana…come? se sono andata al pronto soccorso?? ehm…no…anzi sì, il lunedì…esito delle lastre, frattura del terzo dito del piedino, fasciatura, bestemmie mie, corso in pista ad adria che crolla, vacanze in moto mah…mi fermo qui, sennò divento cupa e non ne ho voglia…

Technorati Tag: ,,,

lunedì 26 luglio 2010

46°: techno

ordunque, è da qualche tempo che ci stiamo tecnologicizzando un sacco, volenti o nolenti…microonde che quasi quasi rovista nel frigo e fa lui la cena, tv, wii, cellulari “tacc scriiin” e via dicendo…l’ultima arrivata è la lavatrice, che quando arriva significa che una se ne va così, senza preavviso alcuno, lasciando gli astanti nella melma…5 giorni senza lavatrice sono una tortura, soprattutto quando si ha il cesto pieno dal fine settimana e i panni bagnati e non lavati in lavatrice…l’ultima l’ho sistemata chiedendo asilo al lavoro, poi ho aspettato…fortuna che è dipartita di domenica, così al lunedì, che omone aveva di festa, andiamo in cerca e scegliamo LEI, ariston aqualtis, ipertecnologgggica (“più roba c’è da rompere e più se ne rompe…” dice mio padre), silenziosissima, con ipercentrifuga e mille altre cose: va-da-dio, sono troppo soddisfatta, glielo dico più e più volte, senza rendermi conto di metterla in imbarazzo…così lei, ad un mese dall’acquisto, ha deciso di NON FUNZIONARE PIU’!!!! torno a casa con già il mio piano d’azione, la apro e pesco i panni GOCCIOLANTI…ma come??? con 1400 giri gocciolano?? avrò sbagliato programma, ora ci caccio la centrifuga e risolvo, via! intanto faccio altre cose, passo in bagno e segna ancora il tempo iniziale…uhm…e com’è che non “gira veloce”?? boh, riprovo, spengo, accendo, programmo…AAAAAAAAAZZO, NON VAAAAAAAAAAAA! telefono al rivenditore, che mi da il numero dell’assistenza, che mi dice di controllare scarico e filtro, e io bestemmio perchè lei pesa una tonnellata e accedere al tubo ne richiede lo spostamento…mi uso in vario modo e ce la faccio, intanto mi auricolarizzo e chiamo omone, che mi sostiene moralmente e mi guida…ok, tubo svuotato, filtro pure, ed è pulito…richiamo l’assistenza “stacchi la spina per mezz’ora, a volte può bastare” ed ovviamente non è la mia volta…richiamo e prenoto l’intervento, con la velata minaccia “se c’'è qualcosa otturato non è in garanzia in quanto risulta come danno procurato” (e fottetevi tutti…), ed io scancaro, e sono angosciata che ho il panni in lavatrice, anzi, ho il guanciale di omone in lavatrice…maremmabbestia…fortuna dopodomani saranno qui, e speriamo che non sia nulla di che oppure che sia qualcosa che richieda la sostituzione immediatissima della lavandara….ossiggnore che megapalle…

 

Technorati Tag: ,,

45°: e via di motoooo!

ordunque, nonostante il caldo becco, domenica 18 si decide di intutarsi con direzione passo delle radici, verso lucca…peccato che la stessa fantastica idea l’abbia avuta tutto il resto del mondo, col risultato che una strada curvosa ma assolutamente malmessa è diventata pure trafficatissima: arrivati all’ultimo incrocio io non avevo + la forza di fare niente, e mi sono parcheggiata in modo pericolante ove  sono riuscita, cercando di recuperare quel tanto per fare i restanti tre chilometri per raggiungere la meta, che quando scoppio, scoppio eh…mi rilasso, bevo, mi sgranchisco, bestemmio per l’asfalto e il traffico, guardo preoccupata alla manovra che devo fare per girarmi e in pendenza, la faccio senza fatica, da giù, manovrando maia come fosse una bicicletta e adorandola per questo…ripartiamo, arriviamo, in cima al passo ci sono 20 gradi e si sta-da-dio! mi ristoro con un fantastico panino, ci godiamo l’organizzazione pic-nicale dei pensionati presenti, e ripartiamo, sempre in mezzo alle auto, ai camper, con l’asfalto così dissestato che più di una volta balzo su’ di sella, bestemmiando a dei di mia invenzione…niente da fare, le strade migliori rimangono quelle alle quali mi sono affezionata, ovvero quelle che ci vedono impegnati il week del 24 e 25, che è stato FAN-TAS-TI-CO! sacrifico il venerdì sera danzereccio con nuovi amici per essere performante l’indomani; mi preparo, due ore di lavoro, omone passa a prendere me e maia, e via, verso l’incontro con mezzo mondo: udine, venezia, genova, roma, ferrara (noi) e forse mi sfugge anche qualcosa! l’organizzatore è una barzelletta vivente, si sa che se lui dice un orario lo si deve ritoccare con +30’ se va bene…io ed omone ci facciamo raticosa e muraglione, dove abbiamo appuntamento con gli altri, che giungono con 45’ di ritardo, cvd, hahahaha! partiamo assieme, io sto benissimo, sono tranquilla ed ho un passo dignitoso, ovviamente rimango ultima, ma nulla può contro il testosterone in fase competitiva, si sa…facciamo tanti di quei passi che neanche mi ricordo, e so solo che mi sono divertita un mondo, maia fa proprio per me, sui monti (in pista servirebbe + motore, ma insomma, non si può avere tutto eh…), e tutti mi apostrofano  con “ma ò, te vardavo prima…sei braetta eh!!” oppure “hai un passo strepitoso, quello con la z1000 faticava a starti dietro” o ancora “guardarti andare è uno spettacolo, hai una guida che…mmamia!” e io che gongolo, soprattutto perchè è-vero, sono proprio stata brava questo fine settimana, pure omone ne esce stupito…riassumendo: strade meravigliose, compagnia godevolissima, soggiorno in luogo stupendo con cucina da leccarsi le dita, temperatura ottimale…che dire, se non che sono troooppo soddisfatta!!!

 

Technorati Tag: ,,,,

lunedì 28 giugno 2010

44°: A-DRE-NA-LI-NAAAAAAAAAA!

ecco, è un pezzo che manco perchè è un pezzo che non succede niente di degno d’esser raccontato, per cui vi ho risparmiato un bel po’ di noia…ora da raccontare ne ho una bellabellabella, ovvero, domenica 27 giugno mi sono fatta ben 3 turni in PISTA-AD-IMOLAAA! fantastico! nasce che TH chiama omone e ci invita a questa giornata, dove, nelle pause del ducati desmo challenge ci sono le prove libere ad un costo accessibilissimo, e con due istruttori come apripista, tra cui domenicali che è una sagoma…partiamo al mattino alle 9, io ho le crepe negli occhi rossi, perchè siamo andati a dormire alle 3 circa dopo una fantastica mangiata di pesce a milano marittima (dove ho rischiato l’assideramento…), perciò mi sono autoipnotizzata  convincendomi che stavo da dio e che ero in forma e che sarei stata in grado di gestire tutto divertendomi un sacco, e così fu! direi che io e maia stiamo piacendoci, in pista è stata quasi all’altezza, e il quasi è dettato dal motore piccolo piccolo rispetto a tutte le altre che correvano, ma mi sono divertita tantissimo, ho osato senza rischiare (o forse mi è andata bene e non me ne rendo…)e la mia attenzione è sempre rimasta alta. al nostro arrivo c’è poca gente, ci salta fuori un turno improvvisato alle 12, con mille gradi centigradi, ed io che mi ripeto come un mantra che andrà tutto bene, che mi divertirò, che i veloci mi schiveranno perchè non avrò bisogno di fare manovre brusche, etc…ci prepariamo, e quando tutte le moto si accendono rido carica di questa emozione che userò quando mi capiterà di esser triste; partiamo, io sono in gruppo senza omone e TH, apposta, proprio per evitare di sentirmi sicura solo-se-ci-sono-loro, e dopo un iniziale spaesamento, funziona, mi concentro e vado…ignoro tutti quelli che mi sorpassano, l’orgoglio mi ha spesso fatto lo sgambetto, oggi e per il futuro eviterò di esserne schiava, e vado con un passo divertente e, secondo me, spedito, uscendone soddisfattissima! sorrido che sembro una imbecille, sono sudata da morire, e fortuna che prima di entrare mi sono sbranata mezzo panino con porchetta e verdure (delicata la donnina, eh??), sennò schiattavo in pista! usciamo, ci denudiamo (per la cronaca, lo spogliatoio donne è TUTTO-PER-ME…hehehehe!), io indosso shorts e fascia ROSSODUCATI del costume, e poi qualcuno propone la pennichella al parco acque minerali, io dico che ci sono un sacco di bestie fastidiose, e faccio notare che nel “mio” spogliatoio si sta da dio…dettofatto, ci stendiamo al suolo e vai di relax (nostro, la donna delle pulizie a momenti infartua nel vederci)…nel mentre, fratellone è già arrivato, in jeans, e ripartito verso casa per cambiarsi e fare il secondo turno con noi…il turno arriva, io mi diverto soprattutto quando ne sorpasso uno di cattiveria (ha-ha-ha!) e poi vedo la bandiera gialla, rallento, non noto nulla di insolito sulla pista, riprendo il passo fino a fine turno, e quando esco omone è già lì, e io mi ci affianco ridendo felice, senza capire che qualcosa non era giusta… “mi sono visto la caduta di fratellone in diretta, e TH, confuso, gli stava andando dietro”…ecco, fratellone in terra, per la seconda volta in due anni consecutivi, la seconda moto che fa fuori (scopriremo che ha fatto grandi danni alla 888…majalabboia…) SENZA NEANCHE TORCERSI UN CAPELLO, morale a parte…ciò che insospettisce è che la gomma che ha perso aderenza l’aveva trasferita dalla 999r, con la quale cadde l’anno scorso, per una perdita di aderenza…uhm…il fantasma del pezzo difettoso si affaccia alle loro menti (mia, no…figurati se ci arrivo!) che sarebbe di gran lunga meglio di un crollo di capacità alla guida…comunque, ora è triste, io felice che sia vivo e sano, e glielo dico mentre lo abbraccio e lo bacio con tutto l’affetto che posso, e più di così non so davvero che fare…in definitiva, giornata per me bellissima, macchiata da un imprevisto che poteva essere tragico e non lo è stato…sono stanchissima e tanto felice, e speriamo che fratellone non si abbatta…

Technorati Tag: ,,,

lunedì 14 giugno 2010

43°: che quando arriva, arriva proprio!

riferito al caldo…miseria! mi spiace che la primavera sia stata saltata di netto, perchè io in primavera sto bene, mi godo la fine dell’inverno e le promesse dell’estate, che sono una sognatrice incallita…invece si passa da 15 gradi a 32 come niente fosse, dalla passeggiata a passo svelto perchè sennò ci si raffredda al non riuscire neanche a stare in spiaggia salvo un originale tentativo di lento suicidio…vabbè, questo week niente moto, che tutt’e due avevamo energie da recuperare o, meglio, poca voglia di impegnarci a spenderne, dopo una settimana di orribile trasferta per lui e di solitaria casa per me…così il sabato ci siamo regalati una cena meravigliosa a base di pesce ottimo, con mille chiacchiere ed approfondimenti di argomenti piccanti ed interessanti, che con l’effetto del vino unito alla stanchezza, rendeva il tutto inebriante: ovviamente a casa siamo crollati, che quando non c’è + il fisico è impossibile barare, hahaha! domenica ci vede a fare colazione con l’andazzo tipico di chi vivrà mille anni di serenità, e al pomeriggio in spiaggia a boccheggiare e a parlare, con chi tollera una certa categoria di argomentazioni, di argomenti a metà tra il proponitivo e lo scherzoso, che comunque le opinioni che saltano fuori sono un qualcosa che da informazioni in più sulle persone che mi piacciono…alle 17.30 il cielo diventa di piombo, si alza l’aria, i surfisti si eccitano, io penso al mio bucato lasciato in balcone, e a cosa sopravvivrà…al rientro post-aperitivo vedo che tommy, il pomodorino con relativo sostegno di canna di bambù, ha afferrato il copripiumone al volo salvandolo dalla furia della tromba d’aria che scopriremo essersi abbattuta lì, e scopro che l’accappatoio in microfibra assorbe chili e chili d’acqua…comunque, nessun danno, nessun disperso, molta sorpresa di cosa si fosse scatenato in una giornata torrida ed insospettabile, che ci vede storditi, stanchi e soddisfatti sul divano…

p.s: oggi l’esile parte femminile di me ha cercato di farmi comprare scarpe sexy e col tacco, ma la maschile ha vinto, ancora una volta…

 

lunedì 7 giugno 2010

42°: la prima spiaggia

…ordunque, settimana lavorativa cortissimissima, e per fortuna, che con la spalla in quelle condizioni, non potevo tollerare altro…rimane il problema della mancanza della segretaria, ovvero quella nobile creatura che risponde al telefono, prende appuntamenti, apre la porta, gestisce le lampade e la cassa, e ciò, in una settimana corta che termina con le immancabili cerimonie varie da chiesa, rende i due giorni che mi faccio al lavoro, due veri giorni infernali, con lo stomaco in subbuglio ogni volta che suona porta-telefono-cicalinivari, noi che non sappiamo come gestire il tutto, la mia spalla che bestemmia piano, io che scancaro a mezza voce…vabbè, è andata dai! sabato si cena con pochi e intimi amici, ed io preparo giàdddetto ad omone che io l’indomani lo voglio sapere in moto anche senza di me, che io e la mia spalla foffia andremo in spiaggia a goderci gli amici che vediamo pocopochissimo…lui brontola, io occhieggio dolcemente a fratellone, è fatta! domenica pranzo dai miei con consegna dei regali di compleanno (padre il 30/12, madre il 22/02…eh, aspettavo l’ispirazione!) rappresentati da coppia di accappatoi in microfibra, mia recente ed entusiastica scoperta, e che successone! pomeriggio in spiaggia, una meraviglia, uno spasso, i miei amici sono fantastici, ero in crisi di astinenza da loro e non me ne rendevo conto! in spiaggia si sta bene, c’è quasi troppa aria, col costume nuovo sto un incanto, e se lo dico io, un poco di verità c’è, che di solito sono criticissima nei miei confronti…si parla di tutto, soprattutto di sesso, di tendenze, di gusti, di “stranezze” e io me la godo di brutto, che mica tutti tollerano serenamente discorsi del genere, ma gli amici lì sì (anche quelli di sabato, ma eravamo tutti vestiti e con coltello e forchetta in mano, non ci si è arrivati) ed io, quando ci sono degli uomini, ne approfitto sempre per sentire l’altra campana, che fa sempre bagaglio culturale…il rientro è stato lento e attento, tanto traffico, tanti imbecilli, io tanto annoiata dai rettilinei…la serata ci vede stanchi, ritrovati dopo una domenica insolitamente divisi, abbracciati sul divano, a dormicchiare raccontandoci la giornata…che io sto bene al mondo, si sappia!

lunedì 31 maggio 2010

41°: vecchiaia incalzante

il mio corpo mi ricorda che giovedì si passa alla tacca successiva, e lo fa in modo simpatico e leggero, ovvero inchiodandomi così 222 tanto la spalla sinistra, da rendermi incapace di vestirmi da sola e pure di deglutire… è da giovedì scorso che sento pungere, ma non ci ho dato peso, così sabato si è incavolata da obbligarmi a prendere un antinfiammatorio (odio prendere farmaci) e stendermi in attesa dell’effetto, che non c’è stato; male faceva, malemalissimo ha continuato a fare..così, al tempodimmerda di sabato, si aggiunge anche la mia menomata condizione fisica, che mi grida “e sto ponte, nien-te-mo-tooooo!”, maremmabbestia.. sabato sono stata, uditeudite, in chiesa, eh 22222 sì….noi siamo arrivati mezz’ora dopo l’inizio della cresima del nipote, e la messa ce la siamo sorbita per un’altra ora e mezza, per un totale di DUE ORE DI MESSA! robe da matti..io avevo la spalla che peggiorava di secondo in secondo, e lo spettacolo è stato a tavola, con un male così grande da mangiare a spizzichi, che neanche riuscivo ad aprire la bocca, e via di nimesulide offerto dall’amorevole genitrice…notte terribile, non riuscivo a muovermi, mattina pareva meglio ma non tanto, pomeriggio picco di salute alle 15, crollo dalle 18 in poi, causa trasferimento in auto verso un desiderato aperitivo con amici della vecchia compagnia, che mi hanno fatto star bene mentalmente, tante risate, battute…ma la spalla era k.o…a casa mi drogo e mi cerotto e alle 22 sono a letto, con omone in orecchio per qualunque cosa mi potesse servire (che quando uno è uno dddddd spettacolo di persona, lo è soprattutto in casi critici…e lui lo-è)…lunedì chiamo il gurudoc, mi riceve alle 13, salta fuori che sono sottopeso, disidratata, mi nutro male, fegato e stomaco si guardano vicendevolmente dubbiosi, ci ha rimesso anche la spalla…ok, devo rivedere tutto, TUTTO il mio modo di alimentarmi, mangiare un sacchissimo di frutta, limitare di un tot le proteine animali, farmi di arnica per il dolore…insomma, ce la posso fare, lo so, ma tutta quella frutta mi sta antipatica, ecco…la frullerò stile purea, la devo mangiare mille volte al giorno in sostituzione dello yogurt (pensavate che facesse bene, eh?? ecco, a-me-no!), e dovrei iniziare a ringiovanire….o quantomeno a non stare da cani…vabbè, vi farò sapere, intanto per il ponte non faccio nulla di che, non ne sono fisicamente in grado!

 

Technorati Tag: ,,,

lunedì 24 maggio 2010

40°: varie di maggio

maggio ha fatto schifo, non è una novità…ne ho approfittato per leggere, mi sono fatta fuori 3 saghe e un libro, anche se ogni saga la si poteva tranquillamente stampare in un solo libro di quelle 400 pagine, invece di smembrarle in vari…comunque, lisa jane smith mi piace come scrittrice, niente di eccezionale o mai letto, ma veramente piacevole, e la meyer mi ha incantata con “l’ospite”, genere fantascienza, con la particolarità di due anime in un corpo solo, leggete da voi la beltà…

sabato mi sono risistemata il tattoo alle sopracciglia, cosicchè nel momento in cui scrivo sembro un piccolo e delicato trans, e nell’andare al sito ho quasi investito una gigantesca tartaruga di terra che stava attraversando la statale; la sua visione mi ha sbigottita e un po’ preoccupata per la sua salute, ma al mio ritorno non ce n’era traccia (in nessun senso…)

domenica, nel giro in moto, per alcuni minuti sono rimasta scioccata da una vistosa scia di sangue sull’asfalto, che mi ha fatto partire una raffica di domande (è vivo? sta bene? centauro? ciclista? animale?? colpa sua o dell’investitore? di certo non pensava che gli succedesse una cosa così…), ovviamente senza risposta…come non saprò mai se il colero che ho mandato al pensionatodimmmmerda che ha cercato di uccidermi, gli sia arrivato; eravamo tutti in scia, lui in attesa a sinistra, antagonista era circa 150 mt avanti a me, e lui parte, tranquillo, la vista obnubilata dalla permanente della moglie…arriva col muso fino a metà della mia corsia, che andavo tranquilla ai 120 circa, e mi sono sentita lo stomaco metallico, ed ho tremato per un po’ a pericolo scampato…maledetto pensionato e rincoglionito! pure omone ha rischiato con un mazzo di camper che ha tagliato di netto una curva, e schivando lui non ha beccato nessuno di chi seguiva….mapperchè la gente quando guida…non guida, E BASTA???? tutti salvi, tutti sani..

ad un incrocio ci siamo esibiti in una megastaccatona collettiva, perfetta, precisa, stabile, da non rifare mai più :) , ma che mi ha dato una fantastica scarica di adrenalina.

sto organizzando per il mio compleanno, che sarà una scusa per avere tutte assieme le persone che mi piacciono e che so non essere dedite alla vita notturna (cioè, cena e chiacchiere, sarà)

per il pontonone del 2 si pensa di fare un tanto alla giornata, ovvero si fa e si va dove viene in mente e voglia, e mi piace…

lunedì sta essendo un relax talmente grande che mi sento rincoglionita, quindi vi saluto…booona!

 

Technorati Tag: ,,,

domenica 23 maggio 2010

39°: e luce fu

giovedì mi squilla il cell in perfetta pausa pranzo, ed è il fratellone, che dopo veloci convenevoli, mi chiede “ci troviamo domenica per un giro tutti assieme?” io tentenno, dico che non sono per niente in grado di reggere il passo di loro che hanno completo feeling con la moto, sarei d’impiccio, etc etc…ma fratellone sa che basta coccolarmi un po’ per farmi cedere (jena na manata de ciufoli!) ed acconsento…scoprirò più tardi, avvalorando tutti i miei dubbi, che aveva parlato già con omone il quale gli consigliò di estorcermi la partecipazione…pare si sia solo noi 3, ritrovo a fontanelice e via di particolari, che riferisco all’ultimo istante ad un contatto fb di ferrara, che aderisce…partiamo in 3 da casa, e a fontanelice ci sono anche antagonista ed amico, che in tutto fanno 6, evvaiii! prima meta il passo giogo, tengo un simpatico ritmo, mi diverto, e mi accorgo che inizio a guardare lontano in trajettoria anzichè vicino a me, il che vuol dire che mi sto fidando delle gomme, quantomeno…poi viaandare,vado sempre meglio e rido nel casco: quando arrivo in cima al passo, gli amici stanno spegnendo le moto, e omone mi viene incontro dicendo “stavamo dicendo che siamo venuti su a canna… e poi sei arrivata! ma sei andata bene, eh!” anche fratellone si congratula, ed io gongolo…in definitiva, usciamo di casa alle 9, passo giogo, calla, croce dei mori, carnaio (fatto bene), forche (bevuto), centoforche (sembrava neanche di starlo facendo), rincasati alle 20 dopo una giornata piacevolissima ed impegnativa…sono felice, maia mi ama, ed io amo lei :D

 

lunedì 10 maggio 2010

38°: chi l’ha visto?

ovviamente mi riferisco al sole, e, per estensione, alla primavera tutta…che qui il cielo sfotte assai, esci che c’è il sole, magari con una maglietta monospalla che la dice lunga su quanto sia stufa di intabarrarmi, e un attimo dopo il sole si nasconde dietro a nubi color asfalto che scaricano pure una simpatica pioggerellina che mette di quell’umore tendente al grigio…ragione-per-la-quale, maia e compagno sono rimaste sui cavalletti, assieme alla mia voglia di girellare e studiare la nuova condizione di guida…vabbè, il fine settimana è stato “famigliare”, cioè sabato io e lui, domenica noi con le famiglie rispettive, tutto bene, a parte il mega abbiocco che mi ha uccisa sabato sera già a mezzanotte…mentre domenica è andata molto meglio, ma dire che avevo voglia di fare le capriole è una parola grossa! cmq, si aspetta che il meteo la pianti di sfottere e capisca che è giunta l’ora di volgere al meglio…amen

Technorati Tag: ,,,

domenica 2 maggio 2010

37^: 1° maggio

c’è il sole, quindi che moto sia! siamo solo io ed omone per mia espressa richiesta, che non mi sento ancora a posto con maia, quindi di fare il peso morto non se ne parla, il mio orgoglio non reggerebbe a tanto…ad imola noto solo all’ultimo istante un simpatico semaforo immerso nel verde del fogliame, peccato che lui spiccasse per una vivace tonalità di rosso, molto acceso anche, che mi ha visto esibirmi nella più sensazionale staccata della mia esistenza; mi sono attaccata istintivamente al freno anteriore, quello posteriore neanche considerato, che secondo me i piedi, TUTTI-E-DUE, mi sarebbero serviti per attutire la lesca che avevo già data per scontata, quando invece….secca, precisa, dritta, senza sbandamenti, sono rimasta in equilibrio immobile un secondo prima di mettere il piede al suolo, incredula…omone da quasi dietro la riga mi fa “hai fatto una staccata fantastica!” ed io che rido, mentre le auto ci suonano che è ora di ripartire…solo a cena verrò a conoscenza che in quel semaforo c’è il fotored, che san brembo me la mandi buona…! riassumo: sono lenta, ancora non mi fido, quindi oltre che ascoltare lei, sono sempre in cerca di asperità dell’asfalto, questo spesso a scapito della trajettoria, che mi trovo spesso ad aggiustare perchè quando penso di entrare in tornante, L-E-I si è già piegata da sola, che maia è reattiva al pensiero, mica alla postura…ovviamente omone era tutto una spiegazione scientifica del perchè e del percome (prima uscitona, moto nuova, ruggine invernale…), ma io ero comunque triste, “e nei paesi vai troppo forte” mi dice…ok, meno sbarazzina nel traffico è di + in montagna, capito…comunque, devo quasi ricominciare tutto daccapo, capire che le trajettorie sono sì quelle di prima, ma DOPO in termini di inserimento, che io ho ancora la guida semirude richiesta da una moto molto + pesante e meno reattiva…cmq, tutto bene, cena con amici, interessante bis di primi preceduto da strie e ceci conditi…cheddire, primo maggio strano ma goduto, dai!

 

lunedì 26 aprile 2010

36^: week del 25 aprile 2010

eccoci, è venerdì e…PIOVE!!! è sabato e…ARI-PIOVEEEEE!!!! maremmasbugamata, ovviamente, pur non essendo un ponte, il capelli 2afatto che ci sia una potenziale giornata segnata in rossissimo, scatena le intemperie, e fancu.o alla domenica in moto…il sabato lo passo dalla parrucchiera, colore e taglio portano via tutto il pomeriggio e rincaso alle 19, stanca, storta, quasi pessimista…cena con amici, si mangia bene e si sta in ottima compagnia, io ho il piumino e a parlare nel parcheggio si fanno le nuvolette di fiato, evvai…domenica mi desto alle 7.30, guardo fuori, uno schifo annunciato, torno a letto, mi rialzo alle 10, meglio ma freddo, vaccabboja…cincischio, si alza omone, siamo perplessi, finchè alle 11 è deciso: FA CALDO, E MOTO SIA!!!! meta lago delle nazioni, primo per un frittino, poi per incontro amici della bassa…programma magnifico! tutto bene, fritto fantastico in mezzo al 25 aprile 2010 002 boschetto già popolato di zanzare, una mi becca ovvio…visti vari amici en passant, mancati altri conosciuti su fb, goduti quelli “appuntamentati”…bello, ad un certo punto mi sarei spogliata di netto dal caldo che c’era, e andare in moto era di un piacevole che non ricordavo quasi più, oltre al fatto che maia, DAVVERO, la gestisco benissimo a motore spento e in manovrine che prima mi vedevano bisognosa di aiuto…ooooohhh, bene! serata a grigliata di carne, spettacolo triste di una coppia in crisi nera, lui forse rassegnato, lei sull’orlo del pianto, da-van-ti a me, che proprio li guardavo per forza…mentre nel tavolo a fianco la suocera ubriaca faceva battute imbarazzanti sul seguito sessuale della serata di lei col figlio (“eh, due picconate dopo te le farai pur dare!!”), chiacchiere coi gestori e clientiabituali-amici, casa….lunedì, è il giorno del massacro dall’osteopata, e mi ha massacrata da 25 aprile 2010 003 copione; avevo le lacrime dopo 10 minuti dall’inizio, la nausea dopo 12, però vero è che ho avuto pochi problemi sto mese…bravo! oggi ho chiacchierato con un sacco di persone grazie al web: amici ritrovati, amici trovati qui e mai visti dal vivo, incontrati e coi quali tengo i contatti…oggi ho sentito persone che non sentivo da un pezzo, e sono felice, dico davvero, a pensarci sorrido…che il web, a usarlo bene, è un gran bel mezzo di comunicazione, quindi, quando dicevo “aaaah, per me internet potrebbe anche non esistere” ecco…dicevo una gran cazzata!

 

Technorati Tag: ,,,,,,

venerdì 23 aprile 2010

36^: ci sono...ci sono....

latito, lo so...è che non ho grandi cose da dire, a parte il classico tran tran arricchito dalla passeggiata resa possibile dal meteo meraviglioso finchè non scatta il sabato...e allora lì scatto io, con bestemmie nuove così fantasiose che rientrano di diritto nei neologismi della lingua italiana...silvia e patty (salvia e menta piperita sul balcone) non solo sopravvivono, ma vivono alla grande, con le loro foglie lucide, turgide e quasi arroganti, sembrano dirmi "pensavi di ammazzarci come la piantina nel gel, che doveva campare altri due mesi, e invece..eccoci qui!", mentre basil, dopo un inizio duro, a capo chino, ora sta seguendo le sorelle, ma con fare un poco più timido...mi osserva quasi a dire "fatico...ma non mi sono ancora steso..." ed io sono quasi commossa, oltre che assolutamente incredula di fronte a questo piccolo miracolo vegetale...il gatto che ho eletto a mio fidanzato peloso quadrupede in realtà è una femmina, il cane ne è gelosissimo ma non di lei, bensì dei passanti che le si dedicano a discapito suo...la scena di gelosia non la scorderò mai, con lui che si faceva coccolare da me ma a denti digrignati verso di lei...hahaha, una cosa a tre! la moto sta bene, ci manchiamo a vicenda, il 25 aprile ci fotte tutti cadendo di domenica, il primo maggio si potrebbe organizzare qualcosa, meteo permettendo...poi che altro...AH! sto leggendo un libro bellissimissimo, sorprendente, raccontato da un'ottica inconsueta ed interessante: "L'ospite" della meyer, quella della saga "twilight" per intenderci, e consiglio vivamente di tenerla in considerazione, questa autrice...difatti, nel lungo pomeriggio che domani mi spetta dalla parrucchiera (colore e taglio in mezzo alle pensionate che si scambiano, urlando, le ricette dell'ossobuco e viadicendo), lo porterò con me, sperando di distrarmi dalla grande noia che sempre mi assale quando attorno a me c'è gossip o altre inutilità...mah, stacco, buon week a tutti e che nessun vulcano vi erutti sulla rotta...

domenica 11 aprile 2010

35^: sognando e varie

pare che il corso più avvicinabile sia quello della bmw, a vairano di vidigulfo, e ovviamente è preferibile in quanto la moto la danno loro in dotazione…f800r è quella che punto io, essendo la + vicina a ciò che ho guidato finora, solo che c’è sempre il problema dell’altezza, e lì si risolve con la sella ribassata che la porta a 77.5 cm anzichè 82, mica pane e salame! dalla motorrad ancora non mi confermano il fatto che la motonana sarà a mia disposizione, nel mentre vado a modena con omone per misurarmela, dato che al telefono ci dicono “sì, abbiamo quella con la sella bassa in esposizione”…giungiamo e scopriamo, anzi scopro (mi sento presa in prima persona) che per loro SELLA BASSA equivale a quella standard, mica a quella B-A-S-S-A, che loro prendono solo su ordinazione di persone gnomiche come me…fanculo va’! cmq ho visto che ce la posso fare a scavallettarla, poi i piedi non dovrebbero + servirmi, e se avessi bisogno di aiuto, con quello che pago, in DUE DEVONO SOCCORRERMI, ecco…

essendo questa incursione modenese una sorpresa per me, non mi sono debitamente preparata, e vengo colta da un attacco di ipoglicemia in auto, che se non fossi stata incinghiata avrei ciondolato fino a sbattere le gengive sul cruscotto…mammamia come si sta male….se penso che stavo così mentre guidavo la s2r in montagna, mi stupisco di non essermi ammazzata! cmq, gelato, risolvo l’ipoglicemia ma non la megaballa di sonno che mi attanaglia, quindi quando arrivo a casa risolvo in gran bellezza, che la sera si “festeggia” con amici; ristorante nuovo, amici noti, e che amici! ho riso come una matta, mangiato come due maiali a digiuno, uno spasso completo! la domenica è una giornata di mmer.a, meteorologicamente parlando, eh…ci svegliamo col sole, poi nubi stile “cavalcata dell’apocalisse”, poi pioggia, poi nubipece/sole, alle 17 si palesa il sole con aria assassina, alle 19 cielo terso di quelli che ti prende per il culo per averti rovinato l’uscita sul passo giogo, maremmamajala…vabbè, andrà meglio poi…a sa spera!

 

lunedì 5 aprile 2010

34^: pasqua&etta

ormai ce lo sentivamo, il meteo lo diceva in vario modo, aggiustando la gravità degli agenti atmosferici, ma la conclusione era che per pasqua la moto sarebbe rimasta sui cavalletti, e così fu…domenica si pranza dai suoi, tutto bene, tutto molto impegnativo mentalmente, soprattutto quando si inizia a parlare di politica, che ne so di più di fisica dei quanti e del cern, argomento pure quello toccato, e infatti ho detto la mia…mi sono coccolata la cucciolona pastorona maremmana, lavata per l’occasione e candida e soffice come una nuvola, nome che in effetti le è stato attribuito…recupero terriccio e vasi pro-coltivazione piantine aromatiche (le ho da una settimana e sono ancora stupende…vuoi vedere che ce la faccio a non assassinarle??), e via dai miei, dove veniamo colti da abbiocco post-prandiale, e dobbiamo fuggire verso casa…già, un’ora di strada prima di svestirci…ma ce la facciamo e ci addormentiamo sul divano, lui carezzandomi i piedi, io mi abbiocco e basta…serata davanti alla tv dove “tutti pazzi per amore2” mi fa ridere sempre un sacco, per la purezza e sincerità dei racconti, poi mi intrattengo un po’ in chat con persone che mi piace leggere, e letto…lunedì piove, wow…scambio di opinioni con contatto padovano che doveva incontrarsi in raticosa con amici di bologna, e noi ci saremmo aggiunti, e ovviamente non se ne fa nulla, così iniziamo a ragionare se “colazione-aperitivo o pranzo? o ci facciamo una piada e poi gelateria??” vada per la piada, e niente, nessuno è ovviamene aperto, colpa nostra, siamo anacronistici…si “ripiega” sul ristorante preferito, e sono ancora in balla etilica…qui, dato che tra noi non si fa mai + di un minuto di silenzio, si intavola un simpatico discorso su curiosità e preferenze in intimità, perchè, alla fine, sono discorsi che non si affrontano pensando di conoscere già le risposte, ma mica sempre è vero…infatti, ora mi sto ingegnando di preparagli una sorpresa, una cosa nella quale mi vedo davvero bene e che, se viene come dico io, mi darà punti gnoccaggine in più, sommati al premio “genialità e arte dell’arrangiarsi con stile”…e così anche quest’anno pasqua è passata con le sue immonde nubi, su noi comuni mortali che domani saremo di nuovo nelle nostre faccende affacendati, mentre il meteo beffardo prevede “sole spaccapietre e temperature sopra la media”…fanculo, va’…

 

venerdì 2 aprile 2010

33^: difettando

tra i tanti difetti, spesso odiosi, ne ho un paio che mi piacciono perchè riescono a farmi ragionare “in modo da”, e sono  pigrizia ed economia (in senso lato); non amo movimenti bruschi, non amo fare fatica, in certi momenti non amo fare progetti perché costa fatichissima, non amo sprecare tempo, forze, risorse umane, spazio, utensili, prodotti…perché, nonostante tutto, non la vedo così drammatica la mia condizione difettosa? ecco perché; visto che mi scoccia impiegare troppo tempo per fare qualunque cosa, studio, e velocemente perchè sennò spreco tempo, il modo migliore d’agire, come ottenerla facendo meno fatica possibile, impiegando meno utensili possibile, lasciando l’ambiente quasi intonso e, soprattutto, pronto ad essere riutilizzato senza richiedere sistemazioni da nessuno…spesso ciò avviene in cucina, dove mi ingegno nell’utilizzare poche cose per farne mille, magari con l’acqua di cottura delle verdure ci cuocio il riso nella pentola a pressione, che userò poi per cuocere i fagioli, che scolerò nello stesso colino usato per il riso, poggiato nel lavandino che laverò solo alla fine, dopo aver sistemato la pentola che invariabilmente si spatacca in modo da non pulirsi con la sola lavastoviglie…alla fine di tuttissimo, quando cioè ho lavato fornello e lavello, passo i piani della cucina, sciacquo la spugna, e solo allora sistemo definitivamente il lavello, che odio in modo particolare essendo di macchiabilissimo acciaio….lo stesso faccio quando sistemo casa, ovvero, da quasi ossessiva, valuto, come fosse un gioco, con quale sistema compio quel lavoro in meno mosse e passi, così che mi si vede passare fluidamente da una camera all’altra depositando/raccogliendo cose, come una simpatica folletta del fu focolare….l’economopigrizia si estende anche ai rapporti umani; se dire di essere “amica” della tal persona comporta spreco delle mie risorse in confronto al rientro, allora inizio ad allontanarmi, non senza aver buttato lì che magari un pelo di impegno in più è gradito…se la persona non si palesa, tronco, e via il pensiero :D …allo stesso modo, non riesco ad odiare niente e nessuno, perché avere sempre vivo un certo pensiero comporta spreco di neuroni-tempo-energiamentale, e non credo che qualcuno si meriti la mia attenzione fino a questo punto (vero, a volte pecco di delirio di onnipotenza, hehehe!), quindi mi limito a sollevare le sopracciglia e mandarli mentalmente a quel paese, sapendo che nulla nella mia esistenza cambierà…bene, ora la mia pigrizia mi conduce verso il letto, sotto al piumone già riscaldato..per risparimare tempo, eh!

 

martedì 30 marzo 2010

32^: è pure pasqua, adesso…

la gente è generalmente stordita e persa, me ne rendo sempre più conto, e forse lo sono anche io…oggi al lavoro è stato da suicidio o, quantomeno, da demolizione del telefono per legittima difesa:il fatto è, tenetevi forte se non ve ne siete ancora resi, che domenica è pasqua, e quindi oggi, sì, proprio oggi, tutte sono impazzite perchè è giunto il momento di aggiustare il look per essere spaziali al pranzo di pasqua, alla messa, o a entrambi…tradotto in fatti, significa che si metteva giù la cornetta e il telefono squillava nuovamente, così-per-tutta-la-mattina…l’ansia dello staff cresceva ad ogni squillo, io mi sono agitata un sacco, la cliente che avevo a mano era di quelle che fanno domande a raffica, molte delle quali dall’inutile al demente, io non riuscivo a fare il mio spuntino quindi l’ultima l’ho fatta in ipoglicemia pura, con la testa che girava, come i maroni… pomeriggio i-d-e-m, con aggiunta di ritardo di una cliente, indecisione basilare sul look unghie (vitale, direi) di quella dopo, temporalone che visualizzava il mio animo, di nuovo in ipoglicemia…fortuna che sulla strada per casa mi ha accompagnato l’arcobaleno, sennò sul mio morale potevo pulirmici i piedi…mi chiama omone, e, stress della giornata+fame+cicloprossimoventuro, gli caccio una sfuriata motivata non da lui ma dal corso in pista che contavamo di fare, e che, a conti fatti, mi costa quasi uno stipendio IN UN GIORNO SOLO! mi è venuta una muffa fuori misura, ho bestemmiato contro di loro, contro la ducati che per il corso in pista mette a disposizione solo razzi altissimi e non robe alla portata di impedite come me (fisicamente e centauramente…) e concludiamo di contattare un amico che conosce quasi tutta la ducati-bene per chiedere come si potrebbe fare per agevolare una gnoma che non sa come gestire i semimanubri…alla fine mi tranquillizzo, lui è sempre la quiete fatta persona mentre io a poco a poco riassumo sembianze umane retraendo i canini spuntati durante lo sfogo…ultima tappa del riappacificamento col mondo, doccia…crema corpo alla vaniglia, le patate sono già nel forno…dai, domani è mercoledì…

 

Technorati Tag: ,,,

domenica 28 marzo 2010

31^: V-I-T-A!!!!

ecco, ora posso dire che sto ricominciando a vivere sul serio, o quantomeno oggi ho vissuto da-dio! splende il sole, che sarebbe quell’astro incandescente che caratterizza il cielo in quella stagione che si chiama estate e che è carentissimo in quella mmmer.a che si chiama inverno, quindi io e omone ci guardiamo “che faresti tu?”  “eh, almeno colazione”, ed io “e con cosa…?” e lui “IN MOTO (sorrisone)”  MAVIEEEEEEEEENIIIIIII! ma vuoi proprio dire che oggi la guido, lei, maia, con le pedane nuove, le leve regolabili per manine piccole e delicate (gnomiche…) e tutte le sue per-me-novità??? eh sì! primo ostacolo, LA-TU-TA…mi guarda sogghignante dalla stampella, ancora nell’armadio, come a dire “adesso vediamo se hai fatto tanto l’ingorda o no…” ed io fisso il vuoto, ripenso a quello che mi ha sostentato durante l’inverno (cene, colazioni, pranzi…vizi…), e sospiro, come a dire “ok, sfida accolta, ma temo il peggio, per me…” inizio a stratificarmi, poi arriva lei; sul subito ho problemi a far scorrere il pantalone sulla coscia, ma, mi dico, è colpa delle unghie, sono troppo lunghe per permettermi un ancoraggio utile! tempo 30 secondi, e infilo tutto a dovere, chiudo tutto, girovita ok, polpacci ok, manca un po’ il fiato ma fa niente…scendo, la scavalletto con disinvoltura, la porto in cortile che sembra non abbia fatto altro tutto l’inverno, e via! sono un po’ rigida, ho ancora l’impostazione di guida di diana, che richiedeva un pelo di energia in più tant’è che rischio di ribaltarmi alla prima piega, e tutto fila liscio, ma proprio liscio! sono in andamento-studio, ancora non ho la fluidità di guida che avevo con la s2r1000, ma so che mi adeguerò presto…le pedane sono molto racing, mi piacciono, le leve sono vicine e burrose, magnifiche…devo mettermi in testa che non mi devo “coricare” sul serbatoio come con l’altra, questa richiede una impostazione quasi da motard, che mi veniva benissimo prima che mi violentassi a cambiarla in “impostazione da moto stradale”, ecco…che dire, mi sento soddisfatta, felice, in pace…

 

Technorati Tag: ,,,,,,

sabato 20 marzo 2010

30^: se il buongiorno…

222 …si vede dal mattino, venerdì doveva andare molto peggio di così! sono avvolta nel piumone, me lo sto godendo in attesa che suoni la sveglia del cellulare, quando mi rendo conto, attraverso i tappi di gommapiuma, che sopra stanno smuovendo un bel po’ di cose…mah…e quanta luce che filtra dalla tapparella…uhm…ma che ora è??? prendo il cellulare, lo sblocco…anzi, ci provo, in quanto lo schermo rimane lugubremente spento, riprovo che magari non ho fatto bene la manovra, ah nono! non si accende mica…vuoi dire che E’ dddddd SCARICO E QUINDI LA SVEGLIA NON HA SUONATO E QUINDI LA TITOLARE MAGARI MI CERCA E NON MI TROVA e mi pensa ribaltata in un canale priva di sensi e con qualcosa di spappolato????NOOOOOOOOOOOOOOOO! con l’angoscia volo in bagno e la sveglia segna le 8.34, orario al quale di solito varco il portone con l’auto…MIODDIO!!!! lavandino, bidet, divisa, nel mentre provo a togliere la sim per metterla sul 6600, macheccavolofaccio, che è a riposo da novembre??? allora metto in carica il 5800, e NIENTE!!!! NOOOOOOOOOOOO! NON DIRMI CHE SONO A PECORA COL TELEFONO!!! NOOOOOOOOOOO!!!! mentre bestemmio qualcosa di mia invenzione, sento il rassicurante e familiare suono che certifica la messa in carica e tiro un sospiro di sollievo…volo giù dalle scale senza mangiare ne’ bere, cosa per me poco salutare visto che vado in ipoglicemia velocemente, imposto la guida sul programma “barichello” (schumi mi è molto gif_cartoon_0 meno simpatico) e alle 9.03 infilo la chiave nella toppa, dopo 20km di sorpassi in grande stile! la cliente ce l’ho alle 9.15, volo in pasticceria per un cornetto stramegafarcito di crema alla vaniglia, la cliente arriva alle 9.30 (sticazzi!), quella dopo disdice, tiro un sospiro di sollievo, giornata iniziata di mer.a ma finita benissimo…non ricordo i particolari, ma sono ancora viva e il mio fegato sta bene, per cui…!

 

lunedì 15 marzo 2010

29^: il sole ovunque

sì lo so, sono nojosa…è che io sto bene al mondo, quindi me ne vanto :-)   sabato cena spettacolare da amici, io al pomeriggio me ne vado in branda, e quando mi sveglio sento omone che parla in salotto, apro la porta e…FRATELLONE! gli sono volata in braccio, come farebbe una bimba con babbo natale, e mi ci sono appostata come farebbe un koala, ma in grembo, e sono rimasta ad abbracciarmelo mentre lui, un pelo più timido di me, mi abbracciava piano, e omone che sorrideva, e io pure…siamo arrivati in ritardo alla prima tappa, con gli amici che ci chiamavano al cell, momentaneamente inafferrabile, preoccupati per la nostra salute dato che non stavamo spaccando il secondo, come sempre facciamo (e lo metto come punto d’onore); cena consistente in antipasti sfiziosi velocemente volatilizzatisi, risotto al radicchio, tortelli di zucca, brasato, patate, cipolle in agrodolce, tenerina (fatta da omone), serie varia di alcolici, buonanotte, ci vediamo presto, eh! domenica C’E’ IL SOLE e omone mi fa “ti va se andiamo al mare a mangiare un pesciolino?” e, come dire, me lo chiede così, e mi chiede di andare a mangiare, ovvio che sono solo che contenta….al mare era tutto intasato, che la stessa fantasia l’hanno avuta in tanti, ma alla fine troviamo posto in un luogo che ricordavo, da circa 10 anni fa, come gelido: bene, bello avere punti di riferimento che rimangono inalterati nei secoli! c’era un freddo becco, ho mangiato ingiubbinata, servizio lento, clima tesissimo tra loro, fortunatamente cibo buono, prezzo vagamente alto…tappa al lago delle nazioni che, per chi non è della zona, è punto europeo di ritrovo per centauri, quattro chiacchiere, zampettata sul lungo mare, freddo porco, via verso casa…lunedì, ho tempi stretti per via del ritiro di maia, ma ce la faccio egregiamente, familiarizzo col microonde, vedo la bambina più bella e intelligente dell’universo, che mi vengono le lacrime quando mi sorride che sembro la sua migliore amica, e capisco che il mio lato oscuro sta sbiadendo, forse l’età, forse il sole, forse che è ora che mi raddolcisca un pelo…porcaputtana!

 

28^: Fly Hammer

varie 007 giornata gloriosa, maia è ritornata a casa e con delle pedane assolutamente bellissime! le ha create su misura per lei la Fly Hammer di verona, e hanno fatto un lavoro davvero stupendo: ora hanno un grip assoluto, l’estetica è incomparabile a prima, le hanno snellite un sacco rispetto alle originali e ci guadagna il tutto al primo colpo d’occhio! l’officina è un capannone condiviso con altre attività, cosicchè da una parte ci sono loro, all’altro muro ci sono dei quadri in vendita, poi c’è chi prepara ultraleggeri, etc, in una simpatica ed insolita convivenza…i soci, luca e remo, sono due personaggi, si muovono con disinvoltura in mezzo a capolavori scolpiti ed elaborati, creati per il varie 005 professionista e l’amatore, ed io ero incantata da quello che vedevo…quindi, tra non molto, andando nel loro sito, vedrete in catalogo anche le “mie” pedane, che si sono dimostrate di un bastardo non indifferente nella creazione, dato che si tratta di un assemblaggio di micropezzi che hanno portato via tempo e richiesto genialità e perizia, ma, porcamiseria, che roba! ora dobbiamo regolarle per me, sistemare l’interruttore del freno posteriore, poi ho ancora le leve regolabili da montare e direi che sono pronta a partire :-)

Technorati Tag: ,,,

sabato 13 marzo 2010

27^: strisciando

diomio che straccio che sono…sono assonnata, mi sento scarichissima, e spero che ciò indichi che il mio fisico è in odore di primavera…oggi potrebbe effettivamente sembrare che tra circa una settimana il calendario decreti il passaggio da inverno a stagione di rinascita, ma mercoledì, con la bufera, proprio no, comunque…maia è pronta, non l’abbiamo ritirata in quanto percorrere strade cosparse di sale sporchevole non ci andava, e inoltre siamo stati informati alle 23.15 del venerdì per il sabato, quindi non ce la si poteva fare; se tutto fila liscio, stagione in primis, omone si prende un pomeriggio e la si ritira assieme lunedì, vi farò sapere. Nel mentre, mentre metto il burro in microonde a sciogliersi, si ode un minaccioso scoppiettamento, apro, il nulla, riparto, scoppiettii, apre lui, nota la sfiammata, IL MICRO CI HA MOLLATI!!!!! OMMIODDIOO!!! “amore, domani hai una missione, ne va della mia vita…se è crisp è pure meglio” sorrisone..

Il sabato di solito facciamo colazione assieme, dato che lui è a casa, quindi ieri sera ho preparato il pane da toast e a fine cottura l’ho estratto e messo da tagliare, apparecchiato, etc…mi sveglio e lo trovo in cucina, intento a sbattere nonsocosa in una terrina, nudo nato, col sorriso, e mi fa “buongiorno”, io guardo la cucina SFATTA e no, iniziare così non è affatto un buongiorno, considerando poi che OGGI ha avuto la brillantissima idea di non usare la farina, BENSì SEMOLA RIMACINATA per fare la tenerina che servirà per la cena amichevole…; alle 8.15 gli faccio notare che eseguire due compiti così impegnativi e diversi non è roba per lui, infatti dobbiamo ancora metterci a tavola e io entro 15 minuti devo essere in auto, con le fauci spazzolate e i canini limati, e quindi SONO IN RITARDO…mangio con un vago nervosismo, il panorama disastroso mi indispone, esco vagamente smaronata, mi trascino per la giornata col solo pensiero che prima o poi finirà e me ne potrò tornare a casa, che spero non essere nel caos confidando nella di lui autoconservazione istintiva…entro, profumo di cioccolato, cucina in ordine, lavastoviglie pronta a partire, lavatrice fatta e finita, esito dell’addestramento PO-SI-TI-VO.

 

mercoledì 10 marzo 2010

26^: ricetta sotto la neve

visto che la noia mi ha colta prima del previsto, mi sono affaccendata nel fare una tortina che al momento mi piace un sacco, ovvero la tortina after eight, alias mentacioccolato; dopo aver fatto le debite ricerche nel web, ne ho trovata una che mi ispirava e…l’ho modificata a modo mio! io ho grossi problemi nella gestione delle uova, ovvero se ce ne sono più di due vado in crisi, e questa ne chiedeva 3…come ho risolto? le ho tolte del tutto…ho aumentato del triplo la dose di sciroppo di menta, tolto il burro, diminuito lo zucchero…insomma, mi ha dato una mezza idea di quello che poteva servire, poi ho inventato a mia misura, ed eccola qui la ricetta con modifiche:

200 ml panna da montare liquida

250 ml sciroppo di menta (quello da granite)

80 gr zucchero

350 gr farina

bustina di lievito per dolci

200 gr cioccolato sbriciolato grossolanamente (ottimo recuperare cioccolato abbandonato nel frigo da tempo…)

infornare a 180° per almeno 20’, poi fare la prova stecchino, che deve risultare asciutto…

ora si sta raffreddando, poi passerò alla porzionatura pro-casa e pro-lavoro, ed ora mi devo inventare come continuare la giornata…maremmainnevata…

 

Technorati Tag: ,,,,

25^: fiocchi e bestemmie

è marzo, cioè MAR-ZO, quel mese il cui 21 segna la svolta da inverno a primavera…solo che lui ancora non lo sa…oggi è il 10, daccordo che tecnicamente la stagione è ancora in tempo a riservarci soprese e letizia, fattostà che al momento no, ecco…ieri le previsioni annunciavano 30cm di neve in pianura, guardo l’agenda, vedo che ho solo 2 appuntamenti (stranissimissimo, tra l’altro) e che giusto in quell’orario la mia titolare è libera, quindi…cancello da me, traslo da lei, svirgolo il mio spazio per comunicare col linguaggio dei graffiti che, in ogni caso, con la neve o col sole, io, l’indomani, mi faccio gli stramazzi miei, E COSI’ SIA! inizia a nevicare al mattino, sparuti fiocchetti che non fanno paura ad anima viva…a mezzogiorno fiocca, alle 14 fiocca, alle 16 fiocca che neanche a cortina d’ampezzo…alle 18.45, ad agenda esaurita, la titolare santa ci manda a casa, io sono radiosa, sono quelle variazioni minime della routine che mi rallegrano! rincaso, nevica, chatto, nevica, ceno, nevica, ore dopo mi corico, e nevica…mi sveglio che una luce accecante filtra dalla parte superiore della tapparella, ed è tutto presto spiegato: i 30cm di neve ci sono, eccome! omone riceve il messaggio del suo titolare, dice di stare a casa che là ne sono venuti 50, dormite bene…ora, io avevo pensato ben altro per oggi, tipo; salto in città, colazione con giornale alla mano, centro commerciale per shopping, cazzeggio, magari incontro qualche amico che se lo può permettere (di cazzeggiare prima-durante-dopo lavoro), rincasare, cazzeggio, magari chat, tortina o biscotti, e via dicendo…invece sono, SIAMO, murati vivi in casa, in quanto al momento imperversa una bufera di neve che seriamente non ti fa venire voglia neanche di andare al bar a 800mt per un caffè! vabbè, al momento sono cmq serena et tranquilla, quando mi gireranno le balle inizierò a creare in cucina, che quella è sempre cosa buona e giusta…ah, buon pupazzo di neve a tutti!

 

Technorati Tag: ,,,

lunedì 8 marzo 2010

24^: pedanando

sabato finalmente l’artigiano e omone si accordano per la prova del prototipo pedane, ancora allo stato grezzo, che vengono testate per quanto riguarda proporzioni e posizioni, per poi avere indicazioni su miglioramenti e il via per l’anodizzazione e quindi colorazione: omone torna a casa piacevolmente colpito dal risultato “sono bellissime! hanno fatto un lavorone, con una gran fatica tra l’altro…non sanno neanche a che prezzo venderle perchè produrle costa un bel po’…” e mi mostra alcune pedana1 sfocatissime foto, che però fanno già intendere quanto siano veramente belle, compatte, essenziali, invidiabili… “hanno un grip talmente grande, che non puoi scivolare in avanti per cercare le leve, devi sollevare  il piede!” e quindi si tratterà di adattarmi alla nuova condizione di sistema di “bloccaggio” dello stivale, che era il mio problemone con le pedane originali, ovvero, il piede esterno alla piega tendeva a scivolare via destabilizzandomi leggermente, cosiderando che avevo il ginocchio ancorato al serbatoio…comunque non vedo l’ora che maia ritorni, mi manca la sua presenza, mi manca il guidarla, mi manca il contorno di amici con l’animo ravvivato dal contesto…ora, se la stagione la pianta di fare quel mazzo che vuole, magari risorgo in tutto il mio splendore centauro, anziché devastarmi a tavola…

 

Technorati Tag: ,,,

sabato 6 marzo 2010

23^: doping

sabato pomeriggio, all’alba della liberazione dal lavoro, parte il mio simpatico mal di testa derivato dall’ipertonico trapezio, parte sinistra, con interessamento dell’occhio relativo, che già avrebbe i mazzi suoi senza essere chiamato in causa da chicchessia…rincaso, merenda, chat, mi scoppia che devo correre in doccia e poi a letto, senza prendere nulla che mi scoccia un sacco…a letto mi viene pure la tachicardia, che sovreccita il tutto e il mal di testa batte sempre più, finché, ad orario ormai giunto di prepararsi per la cena con amici, prendo una cibalgina, e si esce…ora, io lo SAPEVO che medicinali et vino non sono una buona accoppiata, e da stasera l’ho letteralmente testato, ma in un modo davvero gradevole con le seguenti conseguenze: udito bionico fuso con udito erroneamente selettivo (sentivo suoni lontani ed inutili e non udivo l’amico di fronte), espressione rilassataquasibeata, chiacchiera fluente e preciso uso di tutte le coniugazioni verbali in essere alla lingua italiana, ilarità, incapacità di fermare l’ilarità, lacrimazione abbondante da irrefrenabile ilarità, ilarità esplosiva solitaria al ricordo di ogni, deambulazione imprecisa ma solida, sensualità fittizia (cioè mi ci sentivo ma sicuramente non lo ero), istinti punibili con la carcerazione, crollo sul divano con ancora il cappotto addosso, raggiungimento della camera da letto in gattoni, capacità sovraumana di gestire la mia persona per andarmene a svenire a letto…ora sono le 5.30 di domenica, sono al pc perché altre reazioni secondarie sono: esplosione di calore che mi ha fatto uscire dal letto mezza nuda con le palpitazioni, sete bestia e digestione in atto…tra qualche ora dovrò essere performante, ho pure un pranzo assassino da affrontare, che le relazioni pubbliche si devono nutrire, eh!

 

Technorati Tag: ,,,